CityVox

Archive for aprile 2015

 

 

 

fonte castellodelcatajo.it

fonte castellodelcatajo.it

In provincia di Padova, esattamente a Battaglia Terme, tra i colli Euganei e la campagna veneta, è possibile visitare il Castello del Catajo.

Costruito per volere di Pio Enea degli Obizzi, in soli tre anni dal 1570 al 1573, il Castello celebrava la gloria della famiglia Obizzi, capitani di ventura originari della Borgogna, trasferitisi in Italia a seguito dell’Imperatore Arrigo II.
Ampliato nel corso del 1600 e impreziosito di numerose e importanti collezioni, il Catajo passò successivamente agli Estensi, a causa della mancanza di eredi da parte dell’ultimo rappresentante della famiglia degli Obizzi, Tommaso, il quale lasciò loro una dimora dotata di un museo talmente ricco (ospitava anche un fregio del Partenone), da essere considerato una delle meraviglie dello Stato Veneto. Leggi il seguito di questo post »

Annunci

 


11030180_848993645172158_1159057338_o (1)

Il Sol levante torna a Brescia, per la IX edizione de Il Giappone nel Chiostro, la manifestazione che fa vivere anche da noi l’ Hanami, la tradizionale usanza giapponese di uscire all’aria aperta, per godere della bellezza degli alberi in fiore, in particolare i ciliegi.

È proprio pensando alla loro fioritura che è stato ideato questo evento culturale, che si svolge attorno al più grande ciliegio fruttifero della provincia, nel chiostro del Museo Diocesano.

Anche quest’anno il calendario sarà ricco di eventi: mostre, dimostrazioni di arti marziali, conferenze, ci aiuteranno a capire meglio una cultura affascinante, così distante da noi.

Per chi volesse inoltre, ci sarà la possibilità di dedicarsi allo shopping nella mostra mercato e di acquistare presso la biglietteria del museo una card, al costo di 5 €, che consentirà l’accesso alle mostre a pagamento e includerà sconti e omaggi in alcuni stand.

Personalmente mi sento di segnalare la presenza di un importante doppiatore italiano, Ivo de Palma, che ha dato voce a personaggi di indimenticabili cartoni animati: solo per citarne alcuni Pegasus (Cavalieri dello Zodiaco), Mirko (Kiss me Licia), Akira (Devilman)

La manifestazione è a ingresso libero e si terrà anche in caso di pioggia

E’ gradita la presenza di cosplayer!

Per visionare il programma dell’evento clicca qui

In contemporanea ci saranno le seguenti mostre, sempre a tema nipponico:
Da Goldrake a Capeta (passando per l’incantevole Creamy): una vita tra anime e manga, mostra personale di Sabrina Sala (ingresso libero).

Immagini dal Giappone: incisioni alla maniera nera del maestro Narumi Harashina, visitabile o con il biglietto del museo (5 euro intero – 3 ridotto per anziani o studenti) oppure con l’acquisto della card che dà diritto a una serie di agevolazioni.

Info:
Museo Diocesano, Via Gasparo da Salò, 13.
www.ilgiapponenelchiostro.it
https://www.facebook.com/events/1544226942510667/
Ideatore e organizzatore dell’evento Paolo Linetti; aiuto all’organizzazione Paola Fiorentino (conferenze e ospiti); Irene Tirloni per la mostra-mercato ed eventi collaterali.



CityVox BS

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

CITAZIONI & AFORISMI

‎Salivo per un sentiero di montagna e riflettevo. Se si usa la ragione il carattere s’inasprisce, se si immergono i remi nel sentimento si è travolti. Se s’impone il proprio volere ci si sente a disagio. È comunque difficile vivere nel mondo degli uomini. Quando il malessere di abitarvi s’aggrava, si desidera traslocare in un luogo in cui la vita sia più facile. Quando s’intuisce che abitare è arduo, ovunque ci si trasferisca, inizia la poesia, nasce la pittura. Non è stato un Dio, e neppure un Demone, a creare il mondo degli uomini. Ma solamente degli esseri umani, proprio come i nostri indaffarati vicini di casa, i nostri dirimpettai. Vivere in questo mondo creato da semplici uomini può essere sgradevole, ma dove emigrare? Dovremmo avventurarci in un luogo non umano, ammesso esista. Ma un tale luogo sarebbe ancora più inabitabile del mondo umano. Poiché è difficile vivere in un mondo da cui non si può evadere, si deve tentare di renderlo più accogliente così da poterci abitare meglio, sia pure per il breve tempo concesso all’effimera vita umana - (Guanciale d’erba di Natsume Soseki)

CONSIGLI DI LETTURA

testo

Nel 1943 il capitano James Gould, del Field Security Service, il servizio di spionaggio britannico, arriva a Napoli a bordo di un grosso camion. Conosce un po' di italiano, avendo trascorso diverse settimane a seguire gli insegnamenti di un conte toscano dall'aria funerea che gli ha fatto leggere Dante ad alta voce. Per l'intelligence britannica può dunque egregiamente svolgere il suo compito di "ufficiale dei matrimoni", di soldato, cioè, incaricato di verificare che le "fidanzate" dei suoi commilitoni desiderose di trasformarsi in "mogli" siano "idonee" e di "buon carattere", vale a dire che non siano prostitute. Gould è un giovanissimo capitano di scarsa esperienza nel commercio col mondo. Ha appena ricevuto una lettera in cui Jane, la sua fidanzata, l'ha piantato per un aviatore polacco in grado di darle, ha osato dire, quello che le mancava. Inesperto e, tuttavia, deciso a onorare la sua missione, il capitano si ritrova catapultato nella Napoli del '43. Un giorno il capitano viene raggiunto dalla telefonata di un suo pari italiano che gli annuncia che dalle parti di Boscotrecase, un paese situato nella campagna attorno alla città, è stato avvistato un carro armato tedesco. James Gould accorre per imbattersi nella più strabiliante delle scoperte: il carro armato è guidato da un'affascinante giovane donna dai lunghi capelli neri, intenzionata a trasformarlo nel trattore che le è stato trafugato dalle truppe d'occupazione...

OPERA D’ARTE IN CORSO DI AMMIRAZIONE

"Egli mi pose a giacere su questa roccia, mi dice di guardarti da mattina a sera e dirti sempre: sii felice. Felice."

LA FANCIULLA SULLA ROCCIA A SORRENTO - Filippo Palizzi, 1871, olio su tela, cm 55x80, Fondazione Balzan Badia Polesine (Ro) - Sul bordo dello scoglio vi è una scritta: Egli, che mi pose a giacere su questa roccia, mi dice di guardarti da mattina a sera e dirti sempre: sii felice. Felice.

Categorie

NOTA BENE

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto non viene aggiornato periodicamente, né è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.
È vietata la riproduzione anche parziale di articoli e foto senza la MIA autorizzazione.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: